Calcolo pensione nel sistema misto: guida completa nel 2024

immagine dell'autore - Consulenti Miapensione
Consulenti Miapensione

Il calcolo pensione nel sistema misto in Italia può essere effettuato utilizzando diverse modalità di calcolo, come il sistema retributivo e il sistema contributivo. Nel sistema misto si applica una combinazione di questi due sistemi, in base all’anzianità contributiva.

Per calcolare correttamente la propria pensione, è fondamentale avere accesso all’estratto conto contributivo e considerare l’eventualità di versamenti in casse diverse: errori o omissioni potrebbero influire sull’importo finale.

In questo articolo, ti forniremo una piccola guida su come calcolare la propria pensione nel sistema misto. Se desideri ricevere maggiori informazioni sulla tua personale situazione pensionistica, affidati alla nostra consulenza pensionistica esperta: sarà la garanzia di un calcolo pensione preciso, dettagliato e su misura.

I sistemi di calcolo della pensione: retributivo, contributivo e sistema misto

L’INPS utilizza principalmente due sistemi per calcolare l’importo della pensione:

  • il sistema retributivo 
  • il sistema contributivo

Nel sistema retributivo, l’importo della pensione è basato sulla media delle retribuzioni degli ultimi anni di lavoro e sull’anzianità contributiva. Questo significa che, nel momento del calcolo, si tiene conto delle retribuzioni percepite nel corso della carriera lavorativa e della durata del periodo di contribuzione. Maggiore è la retribuzione media e maggiore sarà l’importo della pensione.

Nel sistema contributivo, invece, l’importo della pensione dipende dal montante contributivo accumulato nel corso degli anni e da coefficienti di trasformazione legati all’età del lavoratore. In questo caso, i contributi versati nel tempo vengono convertiti in un capitale accumulato, che viene successivamente trasformato in un assegno mensile. L’importo della pensione sarà quindi direttamente proporzionale al montante contributivo accumulato durante la carriera lavorativa.

È importante sottolineare che, nel caso del sistema misto, si applica una combinazione di entrambi i sistemi, in base all’anzianità contributiva del lavoratore. Questo significa che la pensione sarà calcolata tenendo conto sia della retribuzione media degli ultimi anni di lavoro, sia del montante contributivo accumulato nel corso della carriera.

calcolo-pensione-nel-sistema-misto

Sistema contributivo misto: guida al calcolo della pensione

Per effettuare un corretto calcolo pensione nel sistema misto, è necessario avere accesso all’estratto conto contributivo.

Esso contiene tutte le informazioni sui contributi previdenziali accreditati e rappresenta un documento fondamentale per effettuare il calcolo. È necessario per verificare l’anzianità contributiva maturata fino alla data di riferimento, la retribuzione o il reddito pensionabile.

Il calcolo della pensione nel sistema misto si basa su due componenti principali:

  • la quota A, determinata sull’anzianità contributiva maturata al 31 dicembre 1992
  • la quota B, determinata sull’anzianità contributiva maturata dal 1° gennaio 1993 al 31 dicembre 1995.

È importante considerare anche eventuali versamenti in casse diverse durante la carriera lavorativa.

Se sono presenti, è necessario valutare se procedere con la totalizzazione dei contributi o la ricongiunzione presso un’unica gestione. Questo influenzerà il modo in cui i contributi verranno presi in considerazione nel calcolo finale.

È fondamentale tenere presente che a partire dal 1° gennaio 2012 il sistema contributivo diventa predominante nel sistema misto. Ciò significa che, dopo questa data, tutti i contribuenti sono assoggettati a questo tipo di calcolo.

Requisiti per l’accesso all’estratto conto contributivo

Per accedere all’estratto conto contributivo, essenziale per il calcolo pensione nel sistema misto, è necessario essere in possesso delle credenziali per accedere al sito dell’INPS, come:

  • l’identità digitale SPID
  • la carta d’identità elettronica
  • la carta nazionale dei servizi

Una volta effettuato l’accesso, nell’area riservata “Pensione e Previdenza” è possibile accedere al servizio apposito: Consultazione Estratto conto contributivo/previdenziale.

L’estratto conto contributivo riporta tutte le informazioni sui contributi accreditati presso le diverse gestioni dell’INPS, suddivisi per:

  • periodo di riferimento
  • tipo di contributi
  • giorni/settimane/mesi di contributi utili
  • retribuzione/reddito
  • altre informazioni utili

Somma dei contributi da casse diverse

Quando si effettua un calcolo pensione nel sistema misto, è importante considerare la possibilità di versamenti in casse diverse.

I periodi di contribuzione accreditati in casse diverse possono essere sommati o considerati separatamente, a seconda delle scelte effettuate dal lavoratore.

Se si desidera riunire gratuitamente i contributi accreditati presso diverse gestioni dell’INPS, è possibile richiedere la totalizzazione dei contributi oppure chiedere una pensione in regime di cumulo.

In questo caso, i periodi di contribuzione vengono sommati e presi in considerazione per determinare l’anzianità contributiva e l’importo della pensione nel sistema misto.

Se, invece, si preferisce ricongiungere i contributi presso un’unica gestione, è necessario effettuare la ricongiunzione dei contributi a titolo oneroso. In questo caso, è previsto il pagamento di un importo per la riunificazione dei periodi di contribuzione accreditati presso casse differenti.

Tuttavia, se si sceglie di non riunire i contributi e si mantengono separati, i versamenti accreditati presso ogni gestione devono essere considerati separatamente. Questo significa che si avranno trattamenti pensionistici distinti per ciascuna gestione, con importi calcolati in base all’anzianità contributiva maturata presso quella specifica gestione.

Di seguito, ti proponiamo una tabella riassuntiva di quanto appena detto.

Tipo di sceltaConseguenze
Riunione gratuita dei contributiI periodi di contribuzione accreditati presso casse diverse vengono sommati e considerati insieme per determinare l’anzianità contributiva e l’importo della pensione nel sistema misto.
Ricongiunzione dei contributi a titolo onerosoÈ necessario pagare un importo per riunire i contributi accreditati presso casse differenti. I periodi di contribuzione vengono quindi considerati insieme per il calcolo dell’anzianità contributiva e dell’importo della pensione nel sistema misto.
Scelta di non riunire i contributiI versamenti accreditati presso ogni gestione devono essere considerati separatamente. Si otterranno trattamenti pensionistici distinti per ciascuna gestione, calcolati in base all’anzianità contributiva maturata presso quella specifica gestione.

È importante tenere presente che non è possibile contare periodi sovrapposti ai fini del diritto alla pensione nel sistema misto. Ciò significa che i periodi di contribuzione accreditati in casse diverse non possono essere conteggiati due volte per determinare l’anzianità contributiva e l’importo della pensione. È fondamentale considerare questa possibilità nel calcolo della pensione nel sistema misto e fare le scelte più appropriate in base alla propria situazione contributiva.

sistema-misto

Calcolo pensione nel sistema misto: i requisiti

Per accedere alla pensione con calcolo misto è necessario soddisfare determinati requisiti, che variano secondo:

  • la tipologia di pensione richiesta
  • i dati anagrafici
  • i requisiti contributivi effettuati
  • la presenza di condizioni particolari

Per la pensione di vecchiaia, il calcolo pensione nel sistema misto prevede ad oggi il raggiungimento di 67 anni di età e un’anzianità contributiva minima di 20 anni. Per gli addetti a lavori gravosi, ai sensi della Tabella A DM 5.2.2018, l’età anagrafica scende a 66 anni e 7 mesi ma con un’anzianità contributiva pari ad almeno 30 anni.

Per pianificare la propria pensione in modo corretto e vantaggioso, conoscere in modo approfondito i requisiti e le modalità richieste è fondamentale. Per la quota 103, ad esempio, il sistema pensionistico misto non viene più applicato: dal 2024 è possibile fare il calcolo esclusivamente con il sistema contributivo. Per maggiori informazioni sulla quota 103 clicca qui per leggere il nostro articolo dedicato.

Contatta Mia Pensione per un’analisi approfondita della tua situazione pensionistica: il nostro team di consulenti esperti ti mostrerà le varie opzioni a cui puoi accedere, suggerendoti la strada più vantaggiosa per beneficiare al meglio della tua pensione.

Prescrizione contributi INPS: termini e azioni da perseguire
In Italia, la prescrizione dei contributi INPS occupa una posizione cruciale nell’ambito dei diritti dei lavoratori e delle aziende. È infatti fondamentale per i contribuenti comprendere appieno i termini e le modalità con cui gestire la prescrizione dei contributi, al fine di...
Leggi tutto
Pensione di vecchiaia: i requisiti del 2024
La Legge di Bilancio 2024 ha confermato i requisiti per la pensione di vecchiaia in Italia. Tutti i lavoratori, sia dipendenti che autonomi, devono raggiungere un requisito contributivo di almeno 20 anni e un’età minima di 67 anni. A partire dal 1° gennaio 2024, i lavoratori appartenenti al ...
Leggi tutto
Calcolo pensione nel sistema misto: guida completa nel 2024
Il calcolo pensione nel sistema misto in Italia può essere effettuato utilizzando diverse modalità di calcolo, come il sistema retributivo e il sistema contributivo. Nel sistema misto si applica una combinazione di questi due sistemi, in base all’anzianità contributiva. Per calcolare corret...
Leggi tutto
Pensione di invalidità: gli importi del 2024
La pensione di invalidità civile rappresenta un importante sostegno per cittadini invalidi che si trovano in determinate condizioni economiche: mira a garantire un adeguato sostentamento a coloro che, a causa di una condizione di salute compromessa, sono impossibilitati a lavorare o ad as...
Leggi tutto
envelopephone-handset