Come riscattare i vuoti contributivi con la pace contributiva

immagine dell'autore - Consulenti Miapensione
Consulenti Miapensione

La pace contributiva è una misura introdotta per permettere ai lavoratori di colmare i vuoti contributivi presenti nel loro percorso lavorativo. Questa iniziativa consente di riscattare fino a un massimo di 5 anni di periodi contributivi non versati, offrendo così un’opportunità preziosa per migliorare la propria posizione previdenziale.

Pianifica con cura il tuo futuro pensionistico richiedendo una consulenza pensionistica esperta. Con una guida esperta e un calcolo pensione impeccabile, potrai organizzare al meglio il tuo avvenire, garantendoti una sicurezza economica adeguata agli anni a venire.

Origine della pace contributiva

La pace contributiva è stata inizialmente prevista come misura sperimentale per il triennio 2019-2021.

Durante questo periodo, i lavoratori hanno avuto la possibilità di riscattare i periodi in cui non avevano versato contributi, ad esempio a causa di interruzioni lavorative o altri motivi personali.

La misura è stata accolta positivamente, portando a un miglioramento delle condizioni previdenziali di molti lavoratori.

Ripristino della pace contributiva nella Legge di Bilancio 2024

A seguito del successo della misura sperimentale, la legge di Bilancio 2024 ha deciso di ripristinare la pace contributiva per il biennio 2024-2025.

Questa decisione riflette la continua esigenza di supportare i lavoratori nel consolidare la propria posizione contributiva, soprattutto in un contesto economico in cui le interruzioni di carriera possono essere frequenti.

Benefici

La pace contributiva offre numerosi vantaggi:

  • Miglioramento della pensione: riscattare i vuoti contributivi permette di incrementare l’anzianità contributiva, influenzando positivamente l’importo della futura pensione.
  • Flessibilità: la possibilità di pagare il riscatto in rate rende la misura accessibile a un maggior numero di lavoratori.
  • Sicurezza previdenziale: colmare i vuoti contributivi offre maggiore sicurezza e stabilità per il futuro previdenziale.
pace-contributiva-2024

Come funziona la pace contributiva

Questa misura permette di riscattare fino a un massimo di 5 anni di vuoti contributivi. Ecco come funziona nel dettaglio.

Identificazione dei vuoti contributivi

Il lavoratore identifica i periodi di interruzione contributiva che desidera riscattare. Questi vuoti possono includere:

  • Periodi di inoccupazione: tempo trascorso senza lavoro e quindi senza versamenti contributivi.
  • Periodi di formazione: anni dedicati agli studi o a corsi di formazione professionale che non hanno generato contributi pensionistici.
  • Pause lavorative: interruzioni nella carriera lavorativa dovute a motivi personali, familiari o di salute.

Presentazione della domanda

Il lavoratore deve presentare apposita domanda all’INPS. Per farlo è necessario seguire i seguenti passaggi:

  1. Preparazione della documentazione: raccogliere tutta la documentazione che attesti i periodi di interruzione contributiva. Questa può includere certificati di disoccupazione, attestati di frequenza a corsi di formazione, e qualsiasi altra prova che confermi le pause lavorative.
  2. Compilazione della domanda: redigere la specifica domanda di riscatto, assicurandosi di includere tutte le informazioni richieste e la documentazione di supporto.
  3. Invio all’INPS: la domanda completa, insieme alla documentazione, deve essere presentata all’INPS. Questo può avvenire tramite il portale online dell’INPS, per posta, o recandosi presso una delle sedi territoriali.

La precisione nella preparazione e presentazione della domanda è fondamentale per evitare ritardi o rifiuti. Un consulente esperto può assistere il lavoratore in ogni fase, garantendo che la domanda sia corretta e completa, massimizzando così le possibilità di un esito positivo.

Calcolo del riscatto

L’INPS si occupa di determinare l’importo necessario per riscattare i periodi di interruzione contributiva.

L’onere viene determinato utilizzando il metodo percentuale che si basa sulle seguenti componenti:

  • Retribuzioni di riferimento: si utilizzano le retribuzioni percepite nelle ultime 52 settimane antecedenti l’operazione.
  • Aliquota contributiva IVS: si applica l’aliquota contributiva IVS (Invalidità, Vecchiaia e Superstiti) della gestione assicurativa presso la quale si esercita il riscatto.

L’anzianità contributiva acquisita grazie alla pace contributiva è valida sia per il diritto alla pensione sia per il calcolo del suo importo.

pace-contributiva2024

Modalità di Pagamento

È possibile versare l’onere del riscatto in due modalità:

  1. Pagamento in un’unica soluzione: l’intero importo può essere saldato immediatamente.
  2. Rateizzazione mensile: l’importo può essere suddiviso in 120 rate mensili senza interessi.

In caso di utilizzo dell’operazione per l’immediata liquidazione di una pensione diretta o indiretta, la somma residua deve essere versata interamente in un’unica soluzione.

Accredito dei contributi

L’accredito dei contributi riscattati rappresenta l’ultimo e fondamentale passo nel processo di riscatto dei periodi contributivi. Ecco come avviene questo procedimento:

  1. Completamento del pagamento: dopo aver ricevuto la comunicazione dell’importo necessario per il riscatto, il lavoratore effettua il pagamento secondo le modalità stabilite, che possono includere un’unica soluzione o rateizzazione.
  2. Verifica del pagamento: l’INPS verifica che il pagamento sia stato completato correttamente e integralmente, conforme alle modalità previste.
  3. Accredito sul conto previdenziale: una volta confermato il pagamento, i periodi contributivi riscattati vengono ufficialmente accreditati sul conto previdenziale del lavoratore. Questo comporta l’aggiornamento dell’estratto conto contributivo con i nuovi periodi di contribuzione.
  4. Miglioramento della posizione pensionistica: l’accredito dei contributi riscattati incrementa l’anzianità contributiva del lavoratore. Questo può avere un impatto positivo sia sull’importo della pensione futura che sui requisiti necessari per l’accesso alla pensione stessa, come il raggiungimento dell’età pensionabile o l’anzianità contributiva minima richiesta.

Bene ricordare che la facoltà in oggetto è consentita solo per periodi collocati a partire dal 1996 ed è riservata esclusivamente ai contributivi puri, cioè quegli assicurati INPS che abbaino il primo contributo accreditato dopo il 31.12.1995.

Investi nel tuo futuro con una consulenza professionale

Pianificare il proprio futuro pensionistico è una delle decisioni più importanti che si possano prendere e, con il supporto di una consulenza pensionistica professionale, è possibile ottenere numerosi vantaggi:

  • Consulenza personalizzata: un esperto valuterà la tua situazione specifica, tenendo conto delle tue esigenze e dei tuoi obiettivi di vita.
  • Calcolo pensione accurato: riceverai un calcolo dettagliato della tua futura pensione, permettendoti di capire quanto potrai percepire e come ottimizzare i tuoi risparmi.
  • Aggiornamenti normativi: verrai costantemente informato sui cambiamenti legislativi che potrebbero influenzare la tua pensione.
  • Piano personalizzato: riceverai un piano pensionistico su misura, con raccomandazioni specifiche per massimizzare i tuoi benefici.

Prendi in mano il tuo futuro, affidandoti a Mia Pensione: è l’investimento più importante che puoi fare per te stesso e per la tua famiglia. Pianificare oggi ti permetterà di vivere serenamente il domani.

Come riscattare i vuoti contributivi con la pace contributiva
La pace contributiva è una misura introdotta per permettere ai lavoratori di colmare i vuoti contributivi presenti nel loro percorso lavorativo. Questa iniziativa consente di riscattare fino a un massimo di 5 anni di periodi contributivi non versati, offrendo così un’opportunità preziosa pe...
Leggi tutto
Totalizzazione dei contributi: cos’è e come accedervi nel 2024
La totalizzazione dei contributi rappresenta una grande opportunità per i numerosi lavoratori che aspirano a ottimizzare i propri diritti previdenziali. Il quadro normativo attuato dall’INPS in questo 2024 si evolve, introducendo novità che facilitano l’accesso alla pens...
Leggi tutto
Adeguamento pensioni 2024: gli aumenti previsti
Nel 2024, i pensionati italiani dovranno tenere conto di tutte le novità stabilite, compreso l’adeguamento pensioni. L’obiettivo principale è quello di mantenere invariato il potere d’acquisto delle pensioni, compensando l’effetto dell’inflazione attraverso meccanismi di ...
Leggi tutto
Prescrizione contributi INPS: termini e azioni da perseguire
In Italia, la prescrizione dei contributi INPS occupa una posizione cruciale nell’ambito dei diritti dei lavoratori e delle aziende. È infatti fondamentale per i contribuenti comprendere appieno i termini e le modalità con cui gestire la prescrizione dei contributi, al fine di...
Leggi tutto
envelopephone-handset