Scheda per la mia pensione

immagine dell'autore - Noemi Secci
Noemi Secci

Gli aspetti da verificare per costruire il proprio futuro pensionistico

il professionista deve accertarsi, entro i termini previsti, del regolare versamento della contribuzione obbligatoria (contributo soggettivo, integrativo e per maternità) e dell’invio alla Cassa della dichiarazione annuale relativa al reddito professionale ed al volume d’affari prodotti. In assenza di regolarità contributiva, oltre ad essere esposto a sanzioni ed al pagamento d’interessi, il professionista non ha il diritto alla liquidazione della pensione.

Busta arancione:

è la comunicazione che ogni anno l’ente previdenziale invia all’iscritto, che contiene l’importo dell’assegno pensionistico e la data di maturazione dei requisiti. Se la situazione descritta nel documento non soddisfa le aspettative, l’interessato può migliorare la propria posizione previdenziale, ad esempio versando contribuzione modulare- facoltativa.

Attenzione a come far crescere il proprio montante contributivo:

la contribuzione soggettiva è interamente finalizzata a finanziare la quota contributiva della pensione. La contribuzione integrativa, generalmente destinata a finalità solidaristiche, presso l’Enpacl confluisce invece per 3/4 nel montante contributivo. Laddove reddito e volume d’affari siano d’importo basso, per far crescere il proprio montante è possibile versare contributi facoltativi aggiuntivi, o modulari.

Previdenza complementare:

oltre al versamento dei contributi modulari, il professionista può aderire a forme di previdenza complementare, che danno diritto a una pensione integrativa che si affianca al trattamento pensionistico principale.

Prescrizione contributi INPS: termini e azioni da perseguire
In Italia, la prescrizione dei contributi INPS occupa una posizione cruciale nell’ambito dei diritti dei lavoratori e delle aziende. È infatti fondamentale per i contribuenti comprendere appieno i termini e le modalità con cui gestire la prescrizione dei contributi, al fine di...
Leggi tutto
Pensione di vecchiaia: i requisiti del 2024
La Legge di Bilancio 2024 ha confermato i requisiti per la pensione di vecchiaia in Italia. Tutti i lavoratori, sia dipendenti che autonomi, devono raggiungere un requisito contributivo di almeno 20 anni e un’età minima di 67 anni. A partire dal 1° gennaio 2024, i lavoratori appartenenti al ...
Leggi tutto
Calcolo pensione nel sistema misto: guida completa nel 2024
Il calcolo pensione nel sistema misto in Italia può essere effettuato utilizzando diverse modalità di calcolo, come il sistema retributivo e il sistema contributivo. Nel sistema misto si applica una combinazione di questi due sistemi, in base all’anzianità contributiva. Per calcolare corret...
Leggi tutto
Pensione di invalidità: gli importi del 2024
La pensione di invalidità civile rappresenta un importante sostegno per cittadini invalidi che si trovano in determinate condizioni economiche: mira a garantire un adeguato sostentamento a coloro che, a causa di una condizione di salute compromessa, sono impossibilitati a lavorare o ad as...
Leggi tutto
envelopephone-handset