Speranza di vita

immagine dell'autore - Noemi Secci
Noemi Secci

Il requisito di età richiesto per l’accesso alla generalità delle pensioni (o il requisito contributivo, nei casi di assenza del requisito anagrafico) è adeguato, ogni biennio, alla speranza di vita media riscontrata dall’Istat.

La pensione di vecchiaia, di vecchiaia anticipata e l’aspettativa di vita

Qualora vi sia un incremento della speranza di vita, l’età pensionabile aumenta, sino a un massimo di 3 mesi, mentre, se è riscontrato un decremento, il requisito anagrafico resta fermo, con scomputo delle riduzioni nell’adeguamento successivo.

Il meccanismo dell’adeguamento dei requisiti pensionistici alla speranza di vita è stato dapprima previsto a cadenza quinquennale dall’art. 22-ter, co. 2, Dl 78/2009, poi a cadenza triennale dall’art. 12, co. 12-bis, DL 78/2010 ed infine a cadenza biennale dalla cd. legge Fornero (art. 24 co. 13 DL 201/2011).

In pratica, ad oggi ogni 2 anni i requisiti per la pensione sono adeguati all’età media.

Gli adeguamenti periodici non si applicano ai lavoratori per i quali viene meno l’abilitazione allo svolgimento della specifica attività per il raggiungimento di un determinato limite di età: ad esempio, gli autoferrotramvieri privi del titolo abilitante a seguito di inidoneità possono pensionarsi a 60 anni (Inps Circ. 86/2014; Inps Circ. 6340/2013), anziché dover attendere l’attuale requisito per la pensione di vecchiaia ordinaria, di cui all’art. 24 co. 6 DL 201/2011, pari a 67 anni.

Gli incrementi alla speranza di vita si applicano anche alla pensione di vecchiaia anticipata per invalidità (art. 1 co. 8 D.lgs. 503/1992). Quest’ultimo trattamento, riservato ai lavoratori del settore privato con invalidità pensionabile almeno pari all’80%, si ottiene dunque non più con il requisito originariamente previsto, pari a 55 anni di età per le donne e 61 per gli uomini, ma, ad oggi, con 56 anni di età per le lavoratrici e 61 per i lavoratori.

La pensione di vecchiaia anticipata a causa dell’invalidità, infatti, consiste semplicemente in una deroga al requisito anagrafico previsto per l’ordinario pensionamento (Cass. Sent. n. 11750/2015, n. 29191/2018, n. 24363/2019), non in uno specifico trattamento per invalidità.

Assegno di accompagnamento: quanto aumenta l’indennità nel 2024? 
Nel panorama delle prestazioni assistenziali INPS, l’assegno di accompagnamento, insieme alla pensione di invalidità civile,  svolge una funzione di supporto fondamentale per molte persone in condizioni di invalidità.   Quest’anno, l’adeguamento annuale basato sull&...
Leggi tutto
Pensione Quota 103: cosa cambia con la legge di Bilancio 2024
Il panorama delle pensioni in Italia si prepara ad accogliere le novità introdotte dalla legge di Bilancio 2024 che comportano aggiornamenti sostanziali per il regime della pensione quota 103. Questa riforma delineata dalla nuova manovra finanziaria porta con sé estensioni e modific...
Leggi tutto
Pensione anticipata 2024: requisiti e calcolo pensione
Il panorama delle pensioni in Italia affronta significative trasformazioni nel 2024, a seguito dell’entrata in vigore della legge n. 213/2023. Queste variazioni modificano profondamente le condizioni di accesso alla pensione anticipata, nuove regole che impattano sui lavoratori del settor...
Leggi tutto
Flessibilità pensioni: cosa significa e cosa aspettarsi nel 2024
Il sistema pensionistico italiano si prepara ad accogliere cambiamenti cruciali che influenzeranno le dinamiche di ingresso al pensionamento. Sebbene non si profili all’orizzonte una riforma di ampio respiro, importanti aggiustamenti sono previsti in termini di flessibilit...
Leggi tutto
envelopephone-handset